I senatori statunitensi discutono del dollaro digitale mentre la Cina si prepara a lanciare lo yuan virtuale

0 Comments

I legislatori statunitensi stanno esaminando attentamente i pro e i contro del dollaro digitale.

In un’audizione davanti alla commissione bancaria

In un’audizione davanti alla commissione bancaria del Senato, tenutasi martedì, il senatore Tom Cotton (R-Ark.) ha spiegato perché ritiene che gli Stati Uniti debbano avere una propria moneta virtuale.

„Gli Stati Uniti hanno bisogno di un dollaro digitale… Il dollaro deve continuare a guadagnarsi quel posto nel sistema globale dei pagamenti. Deve essere migliore di Bitcoin Revolution… Deve essere migliore di uno yuan digitale“.

Anche il presidente della commissione Mike Crapo (R-ID) ha riconosciuto l’importanza dell’innovazione finanziaria, ma cita la necessità di una supervisione normativa.

Mentre alcuni legislatori spingono per il dollaro digitale

Mentre alcuni legislatori spingono per il dollaro digitale in mezzo alle preoccupazioni che la Cina sta lavorando in modo aggressivo sul suo yuan digitale, il membro della classifica Sherrod Brown (D-OH) si concentra sull’implementazione di una moneta virtuale, dicendo che ritiene che non ci si può fidare delle aziende tecnologiche per costruire o mantenere la tecnologia.

„È difficile pensare a prodotti o servizi rivoluzionari che abbiano effettivamente aiutato le persone [che le aziende tecnologiche] dicono che lo faranno“.

Un certo numero di testimoni che sono stati invitati all’udienza ha garantito per una moneta virtuale sostenuta dagli Stati Uniti. Secondo la professoressa di inclusione finanziaria della Duke University Nakita Cuttino, l’America deve essere in prima linea nel futuro del denaro. Anche l’amministratore delegato di Paxos, Charles Cascarilla, e l’ex presidente della Commodity Futures Trading Commission, Chris Giancarlo, pensano che un dollaro digitale possa aiutare ad affrontare un sistema finanziario obsoleto.

Dice Giancarlo,

„Darwin ha detto che i più adattabili sopravvivono. E credo che questo sia vero quando si passa a una nuova architettura. Adattarsi ad essa contribuirà a portare benefici alla società in generale“.

Nel frattempo, l’American Bankers Association si è espressa contro un dollaro virtuale, dicendo che potrebbe trasformare la Federal Reserve in „il fornitore quasi monopolistico della nazione di valuta, conti bancari e servizi di pagamento“.